Excite

Sposo lasciato all'altare chiede 500mila euro

Abbandonato all'altare chiede ora all'ex amata 500mila euro di risarcimento. Una somma certamente ingente della quale fanno parte 229mila euro per spese sostenute, 150mila euro a titolo di danno morale per le sofferenze subite e 120mila euro a titolo di danno esistenziale determinato dai certificati disturbi di carattere psicologico provocati dall'abbandono.

Protagonista della vicenda Riccardo R., un impiegato romano di 32 anni, che lo scorso 17 aprile è stato lasciato davanti all'altare dalla futura sposa, una 30enne romana, che non si è presentata in chiesa facendogli sapere di essere innamorata di un altro. Una vera e propria doccia fredda per Riccardo che la sera prima, con alcuni amici, si era addirittura recato sotto casa della fidanzata per la tradizionale serenata.

Dopo un primo momento di totale smarrimento Riccardo ha deciso di rivolgersi al Tribunale Civile e ha chiesto 500mila euro a titolo di risarcimento. Del resto, come si legge nell'atto di citazione predisposto dagli avvocati Anna Orecchioni e Giacinto Canzona, tutto era già pronto per le nozze: il ricevimento in una villa alle porte di Roma, il viaggio di nozze in Polinesia, un appartamento arredato su gusto della sposa a spese della famiglia di Riccardo. Con l'obiettivo di ottenere il risarcimento, i legali hanno fatto riferimento ad una sentenza della Cassazione Civile, III sezione, n.9052/2010, che dice: 'La promessa di matrimonio obbliga il promettente che senza giusto motivo ricusi di eseguirla a risarcire il danno cagionato all'altra parte...'.

Ma vediamco cosa è accaduto lo scorso 17 aprile. Riccardo giunge in chiesa alle 11.30, puntuale, accompagnato dalla madre. La sposa è in ritardo. Ma in un primo momento sembra tutto nella norma. Solo che il tempo comincia a passare e quello che fino a qualche istante prima sembrava un normale ritardo appare qualcosa di diverso. La preoccupazione comincia a salire fino a quando, a un certo punto, in chiesa arriva il fratello della futura sposa il quale, avvicinandosi a Riccardo, gli dice che la sorella non voleva più sposarlo perché si era innamorata di un altro con cui da qualche mese aveva una relazione.

A quel punto il parroco comunica agli invitati che la cerimonia non si sarebbe più svolta e Riccardo viene accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Fatebenefratelli per una crisi ipertensiva. A quanto pare, attualmente, Riccardo è aiutato da uno psicoterapeuta.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017