Excite

Squalificata per aver corso con il velo

Squalificata per aver corso con il velo. Questo è il motivo per il quale il 12 gennaio Juashaunna Kelly, sedicenne mezzofondista americana, ha dovuto abbandonare il Montgomery Invitational, manifestazione indoor che si svolge al Prince George Sport & Learning Complex di Landover, nel Maryland.

"Ci dispiace ma sei squalificata", con queste parole Juashaunna è stata tagliata fuori dalla gara. "Non mi era mai capitato prima ha spiegato la giovane atleta - sono due anni che mi presento alle gare sempre con lo stesso abbigliamento e questo perché sono musulmana". Secondo la sua religione, infatti possono restare scoperti solo mani e volto. "Mentre si stava correndo un'altra batteria della manifestazione - ha raccontato Juashaunna - due signori mi hanno chiamato, mi hanno guardato, hanno parlato tra di loro e poi hanno deciso che vestita in quel modo, secondo le norma di gara, rischiavo di non poter prendere il via. Non posso fare diversamente, la mia religione me lo impedisce". La squalifica della mezzofondista, che correva con un velo sul capo, con dei leggins che le coprivano le gambe e con una sciarpa di lino attorno al collo, ha riportato alla luce il tema dell'intolleranza e dell''islamofobia".

"Ma se adesso tutti i giudici che incontro decidessero di farmi i raggi x?" si chiede l'atleta che vive nei dintorni di Washington, frequenta la Theodore Roosevelt Hig School e che appena il giorno prima della squalifica era stata nominata miglior "cross-country girl" del 2007. E preoccupata dice: "Spero non si ripeta più".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016