Excite

Strage a Perugia: 32enne spara all'ex convivente e al figlio, poi tenta il suicidio. Quattro feriti gravi

  • Youtube

Drammatico il bilancio della sparatoria in strada a Perugia, dove un uomo incensurato di 32 anni ha aperto il fuoco contro la macchina che ospitava l’ex convivente ed il figlio di 2 anni, prima di provare a suicidarsi sparandosi alla testa.

Strage di famiglia, giallo sulla morte di due anziani dentro la villetta di Santhià

Quattro i feriti in totale, compresa la donna al volante dell’automobile, un’amica della ventiquattrenne colpita per prima dall’autore della tentata strage ma unica vittima a non rischiare gravi conseguenze per le ferite riportate.

Dalle ricostruzioni effettuate finora, sembra certo che i colpi di pistola siano stati esplosi quando il bambino si trovava in braccio alla madre, mentre il killer si affiancava a bordo della propria vettura per prendere la mira e sparare indirizzando i proiettili verso il volto dei bersagli umani. Tutte le persone coinvolte sono attualmente ricoverate all’ospedale di Perugia, ad eccezione del bimbo che sarà portato al Meier di Firenze.

(Perugia, sparatoria in auto: un uomo tenta di uccidere ex convivente e figlio, poi si colpisce in testa)

Arma del delitto, una pistola di marca Beretta calibro 9 usata dal carrozziere per sparare agli obiettivi scelti e successivamente rinvenuta dalle forze dell’ordine sull’asfalto con vicino il caricatore ancora pieno di proiettili, nella zona di Ponte Valleceppi in via del Mandorlo.

Sul posto, nei pressi dell’abitazione dell’ex compagna del 32enne perugino, è anche giunto Andrea Romizi, sindaco del capoluogo umbro, insieme alle autorità di pubblica sicurezza, per accertarsi dell’accaduto in attesa dell’avvio dell’attività investigativa che stabilirà dinamica e movente dell’episodio criminoso.

La strada teatro della sparatoria è stata recintata e interdetta al traffico oltre che al passaggio di pedoni, giornalisti compresi, per consentire ai carabinieri del nucleo operativo di svolgere il loro lavoro.

C’è attesa per i bollettini medici delle prossime ore, in particolare per quelli relativi alle condizioni del piccolo ricoverato prima al pronto soccorso di Perugia e poi in una struttura specializzata della Toscana.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017