Excite

Stupro a Roma, fermato militare di 31 anni: è lui il finto agente che ha violentato la 15enne a Prati?

  • Twitter @umbriajournal

Tradito da un passo falso di un familiare, il presunto stupratore della ragazzina di 15 anni vittima della feroce aggressione a sfondo sessuale avvenuta lunedì sera nel quartiere Prati di Roma è stato individuato e arrestato dalle forze dell’ordine.

Roma, donna sfugge allo stupro e rischia di precipitare dal cornicione

L’uomo, un militare di 31 anni originario di Cosenza in servizio presso l’Arsenale della Marina al Ministero della Difesa, aveva lasciato la bicicletta legata ad un palo dopo aver compiuto la violenza e i sospetti della polizia su quel mezzo a due ruote abbandonato a Piazzale Clodio si sono rivelati fondati portando al fermo del fratello (che si era recato sul posto per eliminare la possibile “prova”) poi incriminato formalmente per favoreggiamento.

Si stringe il cerchio, a poco più di un giorno dal terribile episodio di cronaca che ha scioccato un’intera città e anche l’opinione pubblica nazionale, attorno al probabile colpevole dello stupro ai danni della giovanissima ragazza di Bari brutalizzata da un finto agente in un’area isolata ma non molto lontana dal centro abitato.

(Emergenza stupri in Italia, l'estrema destra in piazza invoca pene esemplari: video)

Decisivo, ai fini dell’individuazione dell’autore della violenza sessuale a Piazzale Clodio, è stato l’identikit tracciato rapidamente dagli investigatori grazie alla dettagliata ricostruzione fornita dalla vittima, minacciata peraltro dall’aggressore di morte in caso di denuncia dell’accaduto.

Un preciso lavoro della polizia, concretizzatosi nelle ultime ore della scorsa notte nella caccia mirata all’orco di Prati, ha lasciato poco spazio ai dubbi sulla corrispondenza tra gli indizi trovati “in loco” e la testimonianza diretta della 15enne violentata avantieri sera nella Capitale.

La squadra mobile ha effettuato diverse analisi incrociate nelle scorse ore, mettendo a confronto i contenuti dei tabulati telefonici acquisiti martedì 30 giugno e le tracce biologiche prelevate a Piazzale Clodio: si è arrivati così alla perquisizione della casa del militare ed al sequestro di ulteriori prove, come i pantaloncini indossati dal trentunenne durante lo stupro a Roma.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017