Excite

Suora di clausura partorisce in ospedale a San Severino Marche: era al pronto soccorso per "mal di pancia"

  • Twitter @pilarcastro75

Insolito caso per l’equipe del reparto ostetricia e ginecologia del’ospedale "Bartolomeo Eustachio" di San Severino Marche, dove domenica scorsa si era recata una suora in preda a forti dolori all'addome.

Gli auguri di Papa Francesco alle suore spagnole: messaggio a sorpresa in segreteria

La religiosa, accompagnata dalle consorelle del convento di clausura, aveva parlato al personale di turno del pronto soccorso del suo problema, chiedendo un controllo approfondito, ma la “sorpresa” arrivata dopo l’ecografia ha lasciato di stucco i medici, causando non poco imbarazzo alla diretta interessata: anziché un più o meno normale mal di pancia, si trattava dell’inizio del travaglio in vista della nascita di un bebè.

L’apertura già avvenuta del sacco amniotico, oltre ad altri inequivocabili riscontri certificati nero su bianco dalla visita, hanno portato i dottori a rompere gli indugi e far accompagnare la donna in sala parto, consentendo così al neonato di venire alla luce nel giro di poche ore nell’incredulità generale. In buone condizioni secondo i bollettini della struttura di San Severino Marche, il piccolo è stato poi trasferito nell’ospedale civile di Macerata.

(Rieti, una suora partorisce in ospedale: i commenti in città dopo la notizia, video)

Trentacinquenne, di origine nigeriana e chiusa in monastero da circa 8 mesi, la protagonista di questa singolare vicenda, della quale non si sapeva nulla fino ad oggi nonostante i 5 giorni passati dal momento della nascita del bambino dalla gravidanza “clandestina” della suora di clausura del convento di San Severino Marche.

Il caso registrato all’ospedale Bartolomeo Eustachio, rimasto segreto da domenica scorsa, è adesso al centro del dibattito non solo in piazza e nelle strade della cittadina di residenza della consorella: in rete, ma anche nelle tv locali e nazionali, la maternità della giovane suora africana di 35 anni ha prodotto una valanga di commenti, molti dei quali carichi di ironia per l’ennesimo “scandalo” tra le mura di un convento.

Soltanto 3 anni fa, sempre nelle Marche, si era verificato un episodio simile, col parto a Pesaro di una quarantunenne religiosa del Congo in seguito ad una violenza sessuale subita dalla stessa ad opera di un sacerdote all’estero.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017