Excite

Tassista aggredito dopo aver investito un cane, è in coma

Luca Massari, 45 anni, stava svolgendo il suo lavoro di tassista quando, alla periferia di Milano, un cane ha attraversato la strada. Sorpreso dall'evento, non è riuscito in tempo a frenare uccidendo l'animale. Il cocker, di proprietà di una ragazza, che stava passeggiando in compagnia di un'amica, era senza guinzaglio quando è avvenuto l'incidente.

La padrona del cagnolino è scoppiata in lacrime e ha cercato di portare il suo cucciolo in un centro di rianimazione veterinario, inutilmente. Il tassista si è scusato affermando: 'Mi dispiace molto, però se lo aveste tenuto al guinzaglio...'

Parole che fanno infuriare l'amica della ragazza e il suo fidanzato, Morris Michael Ciavarella, 31 anni, che prima aggrediscono verbalmente l'uomo poi il ragazzo lo picchia fino a quando il tassista non cade a terra in preda ad un arresto cardiaco. Il giovane incensurato e disoccupato, prima di essere portato in commissariato, ha affermato: 'Mi è partito l'embolo'.

La sua rabbia l'ha sfogata sul Massari che è stato ricoverato in coma all’ospedale Fatebenefratelli dove i dottori non vedono al momento miglioramenti. Marco Cigada, responsabile della struttura semplice di rianimazione, ha dichiarato: 'Il paziente è in coma, sedato senza variazioni neurologiche significative rispetto al giorno precedente. Si sta valutando l'opportunità di un intervento neurochirurgico'.

L'episodio ha scatenato molte polemiche e ad intervenire è stato anche Sergio Ligato, della Uil taxi Lombardia: 'Dovremmo poterci difendere. Come i tabaccai, i benzinai, i gioiellieri per far sì che i tassisti che lo vogliono, soprattutto chi lavora durante i turni di notte, possa avere il porto d’armi'. Il tassista, secondo il sindacato, sta diventando una categoria a rischio, perché la città è sempre più invivibile.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017