Excite

Telecom, Grillo: 'La società è morta'

Il comico e blogger genovese Beppe Grillo è intervenuto ieri all'assemblea dei soci Telecom indossando una fascia nera al braccio e dicendo: 'Mi sono presentato qui con la fascia al braccio perché oggi celebriamo i funerali di una società che è morta. Una società sempre più piccola e marginale nel contesto internazionale'.

Come è sua consuetudine, Grillo non si è risparmiato e ha affermato: 'Se la Telecom in questi ultimi dieci anni ha venduto quasi tutto, le partecipazioni, gli immobili, addirittura le centrali telefoniche, il debito è rimasto di 34 mld, i ricavi sono scesi, la domanda da ragioniere è: dove sono finiti i soldi? Semplice. Sono finiti in stock options milionarie, dividendi agli azionisti del salotto buono, che hanno spolpato viva la Telecom. Fate un'indagine nei confronti del management degli ultimi dieci anni e guardate il loro stato patrimoniale prima e dopo l'ingresso in Telecom'.

Parlando dell'amministratore delegato dell'azienda, Franco Bernabè, il comico genovese ha detto: 'Io stimo Bernabè, ma non ha fatto quello che avrebbe dovuto fare, ossia denunciare Colaninno, Buora, Ruggiero, ecc'. Grillo ha affermato che dovrebbe esser fatta una legge che stabilisca che non si possono distribuire dividendi se il debito supera il 50 per cento degli utili.

Le parole di Grillo hanno trovato una pronta e veloce replica. 'Qui non c'è nessun funerale da celebrare' ha detto l'amministratore delegato di Telecom. Secondo Bernabè, infatti, l'azienda è 'sana, viva e vivace, e ha tutte le potenzialità per tornare ad essere una grande protagonista del settore, anche se per farlo ci vorrà del tempo'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017