Excite

Tema maturità 2013 tracce possibili: Ungaretti in pole, ma ci sono pure Papa Francesco e Beppe Grillo

  • Getty Images

La notte prima degli esami è arrivata: domani mattina, infatti, per 500 mila studenti inizierà la maturità 2013, come sempre con la prova scritta di Italiano. Un appuntamento che da giorni, se non settimane, prima della fatica ora X fa scattare il toto-tracce. E su Internet di spunti ce ne sono davvero tantissimi, con i portali Skuola.net e Studenti.it che sono andati ad analizzare la probabilità statistica che si presenti un argomento piuttosto che un altro e il quotidiano torinese La Stampa che invece ha intervistato "l'uomo delle tracce", Luciano Favini, offrendo più di uno spunto di riflessione agli esaminandi.

Maturità 2013, seconda prova versione di latino: esce Tacito?

Partendo proprio dall'ispettore del ministero che coordina il team di docenti che intorno a marzo sceglie i titoli, i criteri elencati da Favini nella scelta dei temi sono molteplici, ma insieme compongono un puzzle che offre una serie di indicazioni utili. Intanto, l'autore è di solito un personaggio della letteratura italiana del 900, per lanciare un messaggio ai professori che spesso decidono di 'sacrificare' i contemporanei a vantaggio di 'colleghi' più remoti, poi solitamente la scelta cade su un testo poco noto di un autore molto noto, alternando prosa e poesia. I brani proposti tendono a parlare di un personaggio che con la sua vita e le sue gesta ha appeal sulle generazioni più giovani, ma senza andare a toccare argomenti troppo scottanti (storici e religiosi). Da ultimo, contando che le tracce sono decise a inizio primavera, l'attualità non è mai troppo recente, mentre un jolly speso con facilità dalle commissioni è quello del Fascismo, di cui in un modo o nell'altro si parla sempre.

Dalle indicazioni 'concrete' di Favini - che gioca a seminare indizi - si passa poi alla probabilità statistica con l'analisi dei temi papabili in base all'assenza/presenza negli anni passati e alla concomitanza con ricorrenze di vario genere di Skuola.net e Studenti.it. Per il primo, quest'anno in pole position ci sono Ungaretti, Svevo, Pirandello e Quasimodo per l'analisi del testo, mentre il secondo concorda su Ungaretti (uscito nel 1999, 2006, 2011), Svevo e Pirandello, ma poi ci piazza pure Montale (uscito nel 2004, 2008, 2012), Dante (2005, 2007) e D'Annunzio. Come dire: tutto e niente, ovvero una parte del programma dell'ultimo anno.

Per il tema o il saggio/articolo, invece, gli argomenti si sprecano e spaziano da crisi e sviluppo sostenibile (in quanto il 2013 è l'anno europeo contro lo spreco) - con il portale Greenme.it che propone cinque tracce, dall'anniversario appunto a inquinamento e Ilva, contaminazione e scandali alimentari (Ikea e prodotti surgelati italiani), agricoltura e OGM, Green Hill e vivisezione - a integrazione europea, condizione femminile e/o violenza sulle donne e Internet, di cui ricorre il 30° compleanno. Tra i personaggi probabili, poi, pollice alzato per Papa Giovanni XXIII, Rita Levi Montalcini, Diderot e il già citato D'annunzio (per il quale sono 150 anni dalla nascita). E contando che il Vate ricorre ben due volte, un pensierino - anche più d'uno - sarebbe forse da fare.

Infine, Skuola.net punta forte anche sulle dimissioni di Benedetto XVI e l'elezione di Francesco (con la storica co-esistenza in Vaticano di due Papi) e sulla comunicazione digitale, riallacciandosi con Beppe Grillo, il suo blog e l'esperienza del Movimento 5 Stelle pure alla politica.


L'intervista a Luciano Favini e gli 'indizi' sui temi 2013

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017