Excite

Terremoto ad Haiti, paura per i saccheggiatori

La capitale di Haiti, Port au Prince, devastata dal terremoto che l'ha colpita il 12 gennaio è ora nel caos anche per l'azione criminale di alcune bande. Su Il Corriere della Sera si legge che gli agenti hanno anche aperto il fuoco su un gruppo di saccheggiatori, uccidendo almeno uno di loro.

Nella capitale oltre all'angoscia per le devastazioni e le morti provocate dal sisma, serpeggia ora il timore per l'azione del saccheggiatori. A quanto pare un giornalista della Reuters ha detto di aver visto un uomo dato alle fiamme da cittadini inferociti che lo avevano sorpreso a rubare e altri due uomini con ferite di arma da fuoco alla testa e le mani legate dietro la schiena.

Le immagini del saccheggiatore linciato dai cittadini

Ma Port au Prince non è l'unico luogo di Haiti finito nel caos. Anche nella altre città dell'isola è palpabile la disperazione e visibile la completa devastazione. In questo quadro apocalittico qualche spiraglio di luce è apparso. Ieri mattina, infatti, tre persone sono state estratte vive dalle macerie del Caribbean Market di Port au Prince.

Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, partendo da New York alla volta di Haiti, ha detto: 'Quella di Haiti è la più grave crisi umanitaria nell'arco di decenni. Vado ad Haiti per esprimere la solidarietà e il sostegno dell'Onu al popolo haitiano'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017