Excite

Terremoto Cile, oltre 700 le vittime

La violenta scossa di terremoto che sabato ha colpito il Cile e lo tsunami che ne è seguito hanno provocato la morte di 708 persone, almeno secondo l'ultimo bilancio ufficiale. Ma il numero delle vittime è destinato ad aumentare. Ad aspettarsi che la cifra salga è la stessa presidente del Paese, Michelle Bachelet. E mentre la terra trema ancora, si continunano a cercare i dispersi sotto le macerie.

Il momento della scossa

Lo tsunami seguito al sisma

In due delle aree maggiormente colpite, la regione centrale del Maule e la città di Concepcion e la sua provincia, l'esecutivo ha dichiarato il coprifuoco. Come sempre accade in concomitanza con tragedie di questo genere, sono subito entrati all'opera alcuni 'sciacalli' contro i quali la polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni d'acqua.

Le immagini dei danni provocati dal terremoto di magnitudo 8,8

A proposito del violento tsunami, seguito al sisma, alla tv di Stato un sopravvissuto della città balneare di Penco ha detto che un'onda, di circa sei metri di altezza, è arrivata coprendo ogni cosa. Secondo le prime stime il terremto ha distrutto circa 1,5 milioni di abitazioni. L'Eqecat, una società americana specializzata nel valutare le conseguenze delle catastrofi, ha stimato che il valore complessivo del danno economico potrà variare dai 15 ai 30 miliardi di dollari, circa il 10-15 per cento del prodotto interno lordo del Paese. Per il Cile, uno degli Stati più ricchi dell'America Latina, è la peggiore catastrofe degli ultimi cinquanta anni.

La Comunità internazionale ha subito espresso solidariatà e la volontà di aiutare. La Ue si è detta disposta a stanziare 3 milioni di euro; l'amministrazione del presidente Usa Barack Obama ha messo a disposizione squadre di soccorso; l'Italia è pronta a inviare aiuti.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017