Excite

Terremoto in Grecia 26 gennaio 2014: scossa di magnitudo 6.0, avvertita anche in Puglia e Calabria

Un terremoto di notevole potenza ha fatto tremare nel primo pomeriggio la Grecia, con epicentro localizzato nell’isola di Cefalonia.

Scossa di terremoto nel Sud Italia, tremano Campania e Molise

Paura in gran parte del Paese ellenico, soprattutto sul versante nord-occidentale dove tuttavia al momento non si segnalano danni sensibili a strutture e persone, mentre le stesse scosse (due, la prima della quali verificatasi alle 14:55 locali, 13:55 italiane) sono state avvertite in Italia, nelle regioni meridionali.

Secondo quanto rilevato dall’istituto geologico americano Usgs a Lixourion, un secondo movimento tellurico ha avuto luogo alle 15:08 greche, ad una profondità di 12,8 chilometri e con magnitudo misurata in 5.0, cioè di un punto inferiore rispetto al primo episodio.

In Puglia ed in altre zone del territorio italiano l’onda sismica proveniente dalla Grecia è stata sentita, anche se in modo piuttosto lieve nella maggior parte dei casi. Nella provincia di Brindisi ed in alcuni centri del barese il maggior numero di segnalazioni ai Vigili del Fuoco di abitanti in allarme per il terremoto, ma non sono mancate chiamate di emergenza neanche in altri punti della stessa regione.

Qualche momento di allarme anche in Calabria, Campania e Sicilia, specialmente sulla costiera ionica, per via della minore distanza dall’epicentro del sisma. Molti cittadini dei comuni delle aree interessate dalle scosse hanno provato a consultare i social network per avere conferma della notizia, diffondendo tutte le informazioni disponibili in giro per il web da Napoli a Taranto, passando per Bari, Salento e Matera.

Particolarmente impegnato nei minuti seguenti al terremoto, l’Osservatorio Vesuviano ha raccolto i dati monitorando l’attività senza sosta e in tempo reale.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017