Excite

Terremoto Roma 11 maggio 2011, tra ferie e negozi chiusi

La giornata non è ancora finita, è vero. Ma a Roma ancora non è stata avvertita alcuna scossa. Nessuna conferma quindi alla previsione fatta dall'astronomo e sismologo italiano nato nel 1893 e morto nel 1979 Raffaele Bendandi (leggi la notizia). Eppure, a quanto sembra, la psicosi è dilagata e a poco sono valse le rassicuranti parole degli esperti (leggi la notizia).

Tanti i negozi chiusi nella Capitale e tanti i cittadini che hanno deciso di prendersi un giorno di ferie e magari fare una bella gita fuori porta. Perché come si suol dire: 'Non è vero, ma ci credo'. Tra i più timorosi i cinesi che affollano la città. Alla vigilia del terremoto di Roma la cosiddetta China Town della Capitale, si è svuotata. Ma per avere un'idea dell'effetto psicosi che si è generato, basta dare un'occhiata ai diversi agriturismi della provincia che appaiono 'stranamente' affollati.

Il presidente della Regione Lazio Renata Polverini ha detto di non essere assolutamente preoccupata, così come il presidente della Provincia Nicola Zingaretti, che ha addirittura annullato tutti gli impegni fuori città.

Il Codacons ha presentato un esposto in Procura con il quale ha denunciato chiunque, blog, siti web, tv, radio, giornali, ecc., abbia diffuso informazioni contribuendo al panico generale su una 'frottola'. E con l'obiettivo di tranquillizzare tutti i cittadini la Protezione civile ha dedicato un ampio dossier sul proprio sito web. Per capirne qualcosa di più si può consultare anche il sito web dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017