Excite

Terzigno, continuano i disordini. Nella notte bruciato un autobus

Non accennano a placarsi le proteste, vive ormai da qualche settimana, contro le discariche nel Vesuviano e contro l'emergenza rifiuti in Campania. Da giorni manifestanti hanno dato vita a scontri per gridare forte il loro 'no' alla discarica di Terzigno. Camion dei rifiuti sono stati dati alle fiamme (le immagini) e si sono registrati scontri tra forze della polizia e abitanti (il video).

Nella notte tra il 18 ed il 19 ottobre, i manifestanti, che da giorni presiedono davanti all'ingresso della discarica Sari, hanno nuovamente impedito lo sversamento dei rifiuti ai camion che provengono da Napoli e altri comuni della provincia (le immagini). E questa notte si sono registrati nuovi disordini.

A quanto pare, intorno alle 3.30 di notte un autobus, fermo da ieri sera, è stato dato alle fiamme all'altezza di un blocco stradale, creato dai manifestanti, che impedisce i collegamenti tra Terzigno e i comuni vesuviani. E' poi partito un lancio di pietre e oggetti. Le forze dell'ordine hanno precisato che non risultano feriti né fermati, ma la tensione è alta.

Nel frattempo sono stati rimossi alcuni dei blocchi creati lungo il tragitto percorso dai camion per depositare i rifiuti nella discarica attiva e alcuni mezzi sono riusciti a raggiungere l'impianto. La Questura ha parlato di 'guerriglia'. Ieri il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, è intervenuto con un'ordinanza d'urgenza che permette ai Comuni e agli impianti che conferiscono i propri rifiuti alla discarica di Terzigno di depositarli presso le discariche di Savignano Irpino (Av), San Tammaro (Ce) e Sant'Arcangelo Trimonte (Bn).

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017