Excite

Terzigno, violenti scontri nella notte

La protesta non si ferma a Terzigno. E adesso la rivolta dei cittadini che gridano forte il loro 'no' all'apertura di una seconda discarica nella zona vesuviana ha raggiunto connotati di violenza.

Dopo i camion dei rifiuti dati alle fiamme (le immagini), gli scontri tra forze della polizia e abitanti (il video), i blocchi allo sversamento dei rifiuti dei camion che provengono da Napoli e altri comuni della provincia (le immagini), continuano i disordini.

Nella notte oltre 200 agenti con 40 mezzi blindati hanno sgomberato l'accesso alla discarica Sari, presidiato da alcune migliaia di manifestanti, tra cui donne e bambini. I dimostranti sono stati inseguiti. A quanto pare contro di loro sono stati lanciati lacrimogeni ed effettuate cariche. Sembra che due persone, una donna e un ragazzo, sono stati fermati e poi rilasciati, mentre altre tre sarebbero rimaste contuse negli scontri.

Quello che si è verificato nella notte a Terzigno è stata una vera e propria 'battaglia'. Alcuni testimoni hanno raccontato che alcuni giovani, con il volto coperto da sciarpe, hanno lanciato grossi petardi, razzi, pietre e due molotov rudimentali nei confronti dei blindati della polizia a presidio della strada di accesso alla discarica. A quel punto gli agenti hanno risposto con un ripetuto lancio di lacrimogeni, che sono caduti in mezzo alla folla.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017