Excite

Tfa speciali 2013, i requisiti e le novità

  • Orizzonte scuola

Ottime notivà per gli insegnanti precari che aspettavano con ansia la notizia: dopo tanta attesa il ministro dell'Università e della Ricerca Francesco Profumo ha firmato il decreto legge che da il via libera ai Tfa speciali per il 2013 e che porterà all'abilitazione in tre anni scolastici (quello in corso fino al 2014-15) di circa 75mila precari della scuola.

Nel comunicato stampa diramato ieri, il Miur precisa i REQUISITI indispensabili che consentono di accedere al tirocinio abilitante rivolto a: docenti non di ruolo e non abilitati (compresi gli insegnanti tecnico pratici) in servizio da almeno 3 anni in scuole statali e paritarie entro il periodo degli anni scolastici 1999-2000 e 2011-12. Non è escluso dai tirocini speciali chi sta già frequentando il TFA ordinario.

Come si svolge il Tfa speciale? Le tre fasi: la prova nazionale. Si comincerà con un test non selettivo sulle capacità logiche, di sintesi e linguistiche dell'insegnante, il quale potrà conseguire un punteggio fino a 35 punti. In base alle graduatorie del punteggio verrà stabilito a chi dare precedenza di accesso. Seconda fase: frequentazione dei corsi. Una volta superato il test di ingresso si parte con le lezioni in classe con le quali il candidato dovrà totalizzare 41 crediti formativi. In aula saranno frquenti le con verifiche che se superate potranno far conseguire all'abilitando da 30 a 50 punti. Infine la terza fase: esame finale che verrà valutato con un punteggio fino a 15 punti. In totale per essere abilitato un insegnante dovrà avrà raggiunto un punteggio complessivo di almeno 60 su 100.

Non tutti parlano di ottime notizie come invece dicevamo noi all'inizio. Il presidente del sindacato degli insegnanti, l'Anief, Marcello Pacifico, infatti paragona i Tfa speciali ad un percorso di serie B. "Questa volta il ministro Profumo si è superato – dice Pacifico – perché è riuscito a bandire un decreto che permetterà a decine di migliaia di docenti precari di acquisire un'abilitazione incompleta: il testo firmato vieta infatti ai nuovi docenti che supereranno le prove finali dei corsi universitari di inserirsi nelle graduatorie ad esaurimento. E questo significa che sarà negato loro di mettersi in lista di attesa per aspirare alle supplenze annuali e alle immissioni in ruolo".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017