Excite

Tromba d'aria in Emilia: feriti e decine di sfollati

  • YouTube

A poco più di due settimane dal primo anniversario del terremoto che l'anno scorso il 20 e il 29 maggio ha causato 27 vittime e gravissimi danni ad abitazioni, aziende e infrastrutture, un'altra calamità naturale si è abbattuta oggi sull'Emilia. Verso le 17, infatti, una tromba d'aria si è formata sul territorio della provincia di Modena e da qui è avanzata prima verso l'alto bolognese e poi in direzione del basso ferrarese, lasciando alle sue spalle una nuova emergenza.

Tromba d'aria e grandine sull'Emilia: le foto

Secondo le prime notizie, infatti, ci sarebbero 11 feriti e un centinaio di case scoperchiate, con decine di famiglie rimaste letteralmente senza un tetto. I comuni più colpiti si trovano nell'area teatro del sisma di dodici mesi fa e sono Castelfranco Emilia e Mirandola nel Modenese e Bentivoglio e Argelato nel bolognese. All'interporto di San Giorgio di Piano numerosi cointainer si sono ribaltati, mentre sulla linea ferroviaria Bologna-Padova la circolazione dei convogli è rimasta interrotta tra le stazioni di Castelmaggiore e San Giorgio di Piano dalle 17.30 alle 18.40 a causa di un albero caduto sui binari. 5 regionali e 4 treni a lunga percorrenza hanno accumulato ritardi compresi tra i 30 e i 60 minuti. Sul modenese, infine, si sono abbattuti 5 cm di grandine, con chicchi grandi come palline da ping pong.

"A memoria d'uomo da queste parti non si era visto un fenomeno del genere, non se lo ricordano neppure persone che hanno 70-80 anni", ha dichiarato il sindaco di Argelato, Andrea Tolomelli, commentando i danni provocati dalla tromba d'aria: capannoni crollati, coperture di edifici strappate via, attrezzi agricoli danneggiati e pali della luce sradicati. E lapidario è stato il primo cittadino di Bentivoglio, Vladimiro Longhi: "Siamo come terremotati".

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, ha garantito che nelle prossime ore sarà integrata "la richiesta di stato di emergenza nazionale già al vaglio del Governo dopo il maltempo e le frane" che hanno colpito l'Appennino emiliano, "inserendo anche questa nuova emergenza". Una posizione che ha ricevuto l'immediato appoggio della Protezione Civile, che in una nota ha comunicato che "anche gli esiti di quest'ultima calamità, che coinvolge un territorio già fortemente compromesso dalle recenti frane e alluvioni, verranno portati all'attenzione del Governo come ulteriori elementi di valutazione, affinché si possa procedere con celerità alla dichiarazione dello stato di emergenza".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017