Excite

Mauritius, uccisa in luna di miele

Uccisa in luna di miele mentre il marito si trovava al ristorante. Una storia tragica quella del calciatore John McAreavey e della moglie Michaela Harte, irlandese di 27 anni. I due si erano sposati lo scorso 30 dicembre, dopo le nozze si erano fermati a Dubai e poi avevano proseguito per le Mauritius, dove avevano programmato di trascorrere la loro luna di miele. Che poi si è trasformata in tragedia.

Michaela, figlia del presidente della Gaa (Gaelic Athletic Association) Mickey Harte, è stata uccisa lunedì scorso nella sua stanza dell'Hotel Legends a Grand Gaube, nell'isola dell'Oceano Indiano. Secondo la polizia locale, la donna è stata strangolata.

Dalle prime ricostruzioni, mentre la moglie veniva uccisa il marito, il calciatore McAreavey, si trovava al ristorante. Michaela era salita in camera a prendere i biscotti per il tè. Secondo la polizia locale, l'assassino sarebbe entrato nella stanza grazie alle registrazioni elettroniche della chiave appena due minuti prima della vittima che sarebbe poi stata strangolata. Il marito, non vedendola arrivare, è salito a cercarla trovandola senza vita nella loro stanza, la cui porta non presentava segni di scasso.

A quanto pare, per l'omicidio sono stati fermati tre dipendenti dell'albergo, due di loro sono al momento sospettati di omicidio e il terzo di favoreggiamento. Abinash Treebhoowoon, 29 anni, Sanbit Moneea, 41, e Raj Theekay, 33, i loro nomi. Sarà la prossima settimana il magistrato del tribunale di Mapou, nel nord dell'isola, a decidere sulla loro incriminazione formale.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017