Excite

Una sede europea per il tribunale dei diritti degli animali

Adesso gli animali saranno maggiormente tutelati. A Parma, infatti, dove l'associazione italiana per la difesa di animali e ambiente (Aidaa) ha la sua sede principale, nasce la prima sede europea della camera arbitrale dei diritti degli animali, sezione europea del Tribunale degli Animali di Aidaa.

Già a partire da settembre verranno discusse le prime cause europee e il giudizio verrà discusso secondo quelle che sono le normative comuni. Ma chi potrà ricorrere alla camera arbitrale? Come riportato da un articolo de Il Giornale, tutti i cittadini residenti nell'Unione Europea che hanno questioni aperte che vedono come protagonisti gli animali. La camera si riunirà mediamente una volta al mese e affiancherà l'attività ordinaria del Tribunale degli Animali, che continuerà a svolgere le sue funzioni.

Sarà un collegio composto da tre avvocati di diverse nazioni, di cui uno del Paese di ciascuno dei ricorrenti, ad individuare la soluzione al quesito posto tenendo conto soprattutto del bene dell'animale. La camera arbitrale europea si occuperà soprattutto di casi riguardanti la gestione di coppia degli animali domestici, il diritto di tenuta dell'animale in caso di separazione di due coniugi o conviventi con residenza in due distinti Paesi dell'Unione Europea.

Il presidente nazionale di Aidaa, Lorenzo Croce, ha spiegato che l'idea è nata quando ci si è resi conto della necessità di trovare anche per gli animali un modo per dirimere le questioni che riguardano gli amici a quattro zampe. Croce ha poi aggiunto: 'Abbiamo già le prime richieste di cause da discutere secondo quelle che sono le norme europee dei diritti degli animali, le prime due provengono da Spagna e Belgio ed una terza riguarda la gestione degli animali domestici di una famiglia che vive tra Roma e Budapest'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017