Excite

Uragano Isaac, 200 mila senza luce: situazione critica

  • Infophoto

Tutto il mondo ha gli occhi puntati e il fiato sospeso sull'Uragano Isaac, arrivato come era previsto questa mattina (ora italiana, 18:45 ora locale) sulle coste degli Stati Uniti. Nel 2005 proprio il 29 agosto un'altra tempesta tropicale, Katrina, mise in ginocchio New Orleans provocando la morte di 1800 persone, spazzando interamente via la città del jazz.

Segui sotto la diretta da Twitter

L'uragano per il momento è di categoria 1 in una scala che arriva fino a 5 ed, anche se la situazione con il passare delle ore si fa sempre più critica, gli esperti del National Hurricane Center, sono ottimisti: Isaac raggiungerà al massimo la seconda categoria. Oltre 200 mila persone sono rimaste senza luce nella città della Louisiana.

Annullati viaggi nel sud degli Stati Uniti, leggi

La tempesta si sta abbattendo con piogge torrenziali e venti da 80 miglia all'ora, ovvero quasi 130 chilometri all'ora. Dopo che Isaac ha raggiunto il Golfo del Messico, il presidente Barack Obama ha avvertito gli americani con un appello lanciato in tv dalla Casa Bianca: "Non è il momento di sfidare il destino. Ascoltate le autorità. Se vi dicono di evacuare, evacuate. Sarà una grande tempesta e potrebbe causare diverse inondazioni".

L'appello di Obama agli americani

Il governatore Bobby Jindal ha comunicato che oltre 2.100 detenuti sono stati trasferiti nelle ultime ore dalle prigioni dello Stato in zone ritenute a rischio verso carceri più sicure. "Abbiamo completato il trasferimento e ora non ci muoviamo più", ha detto Jindal precisando che l'operazione è inziata domenica e che i detenuti sono stati sistemati in altri penitenziari dello Stato.

Sempre gli esperti sostengono che la direzione di Isaac dovrebbe deviare verso ovest, investendo la capitale Baton Rouge, capitale della Louisiana, perdendo intensità man mano che si avvicinerà nello Stato.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017