Excite

Uragano Sandy a New York: 17 morti accertati, 6 milioni di americani al buio

La potenza devastante dell'uragano Sandy è arrivata sulla East Cost americana e su New York: il bilancio delle vittime, in continuo aumento, riporta almeno 17 morti accertati, di cui una vittima in Canada e cinque solo nella Grande mela. Qui un milione di famiglie è senza luce e 50 edifici sono in fiamme nella baia della città. Il simbolo più eloquente di questo evento atmosferico senza precedenti è probabilmente la luce della torcia della Statua della Libertà, che si è spenta all’arrivo dell’uragano.

Uragano Sandy a New York: guarda le foto

La situazione più difficile si è verificata proprio a New York, dove Sandy è arrivata alla velocità di 144 km orari e ha provocato onde alte 4 metri: in città sono 400mila gli evacuati, con gran parte di Manhattan che è rimasta al buio, illuminata solo la zona di Time Square. Il sindaco Bloomberg sta seguendo minuto per minuto la situazione: "La città è stata colpita in pieno. Sapevamo che saremmo andati incontro a una tempesta particolarmente pericolosa, e la realtà è andata al di là delle nostre previsioni".

Uragano Sandy, crolla una gru a New York: guarda ill video

Complessivamente sono 6 milioni di americani privi di corrente elettrica. Sandy ha provocato effetti record per quanto riguarda i black out: "E' la più grande interruzione dell'erogazione energetica della storia americana legata ad una perturbazione" ha fatto sapere la società Con Edison. Una centrale elettrica è andata distrutta a New York e non sarà in funzione prima di una settimana.

Le piogge hanno provocato allagamenti su tutta la costa, a partire da Atlantic City, dove le acque dell’Oceano hanno invaso il centro città, così come negli altri centri costieri del New Jersey e nella città di New York, dove il porto e la metropolitana restano bloccati e tutti e tre gli aeroporti sono chiusi. Gravissimi disagi sul fronte delle strutture ospedaliere: il Langone medical center della New York University, a causa delle corsie allagate, ha dovuto evacuare duecento pazienti. Stesso problema per il Bellevue hospital center, dove si sono verificate diverse interruzioni di elettricità nelle sale operatorie. L'allarme dal punto di vista sanitario nn tutto il nord-est degli Stati Uniti riguarda anche le scorte di sangue per le trasfusioni, in seguito allo stop delle donazioni nelle ultime ore.

Un altro allarme importante riguarda una centrale nucleare nel New Jersey: il sistema di raffreddamento delle scorie nucleari dell'impianto di Oyster-Creek a Toms River è messo a dura prova dalla marea alta sino a quattro metri. E' già stato dichiarato lo stato d'allerta, con la previsione di idranti di emergenza, in grado di rafforzare il sistema di raffreddamento.

La notte più lunga della costa orientale statunitense non è ancora finita: la furia di Sandy non accenna a fermarsi. La sua forza è data dal mix aria caldo-umida e fredda proveniente da Ovest, che rende ancora molto potente la perturbazione e porterà piogge torrenziali e venti freddi anche nei prossimi giorni. Sandy è ancora un uragano di categoria 1, la più pericolosa: la sua traiettoria è diretta verso nord-ovest, in direzione Filadelfia, con una velocità che si attesta ancora intorno ai 130 km orari.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017