Excite

Usa, condanna a morte sospesa perché non si conosce la provenienza del farmaco

E' accaduto a Phoenix, dove ieri un giudice federale ha impedito allo Stato dell'Arizona di eseguire la condanna a morte per iniezione letale di Jeffrey Landrigan, 48 anni e condannato per omicidio nel 1990. La ragione? Le autorità si sono rifiutate di divulgare la provenienza del farmaco che sarebbe stato utilizzato. Questa mattina Landrigan sarebbe dovuto essere giustiziato, ma, almeno per il momento, la sua vita è salva.

Per le condanne a morte negli Stati Uniti viene utilizzato il thiopental. Il solo laboratorio che fabbrica l'anestetico aveva fatto sapere di essere a corto di scorte, ma il 30 settembre l'Arizona aveva annunciato di essersi procurata una dose sufficiente di prodotto per eseguire la condanna di Landrigan.

A quel punto i legali dell'uomo avevano avanzato richieste di chiarimento, ma le autorità statali avevano rifiutato di fornire precise risposte spiegando, tuttavia, che si trattava di un prodotto importato. Nonostante tutto la Corte Suprema aveva autorizzato l'esecuzione, allora i legali di Landrigan si sono fatti sentire nuovamente affermando di temere un 'rischio di sofferenza'. E ieri è arrivata la decisione del giudice federale di Phoenix che ha dato ragioni ai legali del detenuto e ha sospeso l'esecuzione.

Foto: wikipedia.org

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017