Excite

USA, strage ad Albuquerque: quindicenne uccide 3 bambini e 2 adulti

  • Google Maps

Una nuova strage - l'ennesima - si è consumata sabato sera ad Albuquerque, capitale dello stato del New Mexico, negli USA. Un ragazzo di quindici anni ha ucciso 2 adulti e 3 bambini, crivellandoli di colpi all'interno di quella che pare sia la loro abitazione. Le vittime sono un uomo e una donna e due loro figli, mentre il terzo minore al momento ancora non è stato identificato, ma tutti e tre sembrano in età "da scuola elementare o media". Secondo le prime parziali informazioni trapelate, all'interno della casa, nella zona di South Valley, sarebbe stato ritrovato "un numero impressionante" di armi, tra cui anche "un fucile d'assalto" del tipo di quelli in uso all'esercito a stelle e strisce.

USA, la giornata delle armi Gun Appreciation Day

Al momento non si conoscono i motivi che hanno spinto l'adolescente ad accanirsi con tanta violenza sulle vittime, né sono state rese note le generalità di queste ultime, ma in base alla dichiarazione di Aaron Williamson, portavoce dello sceriffo della contea di Bernalillo, di cui Albuquerque è capoluogo, il quindicenne è stato arrestato oggi ed è accusato di omicidio per i due adulti e di "abusi sui tre bambini che ne hanno provocato la morte".

La strage arriva a poco più di un mese da quella compiuta nella scuola Sandy Hook di Newtown da Adam Lanza, un giovane affetto da disturbi della personalità, che uccise 21 bambini e 6 adulti, e mentre negli USA è in corso un acceso dibattito per limitare il possesso e l'uso delle armi, con il presidente Barack Obama che ha proposto un piano in 23 punti proprio per cercare di arginare la violenza e le morti causate dalla diffusione incontrollata di pistole, fucili e via dicendo.

USA, la strage nella scuola di Newton: tutte le notizie

Un progetto osteggiato apertamente da tutti coloro che si appellano al Secondo emendamento della Costituzione per il diritto ad armarsi, come il gruppo di Washington che ieri ha organizzato in diversi stati degli USA - Indiana, Ohio e Carolina del Nord - il primo Gun Appreciation Day, ovvero la giornata delle armi. Come spiegato sul sito della manifestazione, per aderire era sufficiente recarsi in un'armeria, comprare pistole, fucili o quant'altro e quindi recarsi presso un poligono di tiro a fare pratica.

L'iniziativa - sostenuta da diverse ssociazioni pro-armi, come Second Amendment Foundation e Citizen Committee for the Right to Keep and Bear Arms - a quanto pare ha avuto un discreto successo, ma ha fatto registrare anche cinque feriti, che sono rimasti offesi tutti in modo più o meno casuale e in incidenti dovuti alla disattenzione o all'imperizia. E non sono mancate neppure le polemiche, soprattutto perché il Gun Appreciation Day è stato organizzato a pochi giorni dal primo anniversario della strage di Newtown, avvenuta lo scorso 14 dicembre.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017