Excite

USA, strage scuola elementare, il padre di Lanza: "Anche noi ci chiediamo perché"

  • YouTube

Mentre l'America piange le sue vittime e prova a elaborare lo shock e il lutto per la strage compiuta venerdì da Adam Lanza nella scuola elementare Sandy Hook di Newtown, nuovi tremendi dettagli emergono sulla morte delle 27 vittime, 7 adulti e 20 bambini. Secondo le ultime notizie, infatti, il medico legale che ha esaminato i corpi ha detto che sono stati colpiti più volte da proiettili sparati con un fucile d'assalto, mentre la madre del Killer - Nancy Lanza - sarebbe stata uccisa con un colpo in pieno volto.

Robbie Parker, il padre di una vittima: "Non so come andare avanti"

Una furia, quella di Adam Lanza, che ancora oggi è incomprensibile, nonostante decine di spicologi e specialisti abbiano provato a fornire delle spiegazioni sul gesto del ventenne, partendo anche dall'ipotesi che a scatenare la sua follia omicida sia stata la sindrome di Asperger, una forma di "autismo ad alto funzionamento" che compromette le interazioni sociali, rendendo particolarmente difficoltosa la capacità di sviluppare e dimostrare empatia.

Tutte le notizie sulla strage di Newtown

Ma nulla sembra spiegare realmente uno dei più gravi fatti di violenza che l'America ricordi e anche la famiglia del killer ha detto di non avere risposte per il gesto di Adam. Intervenendo nel dibattito, Peter Lanza, il padre dell'assassino, ha infatti dichiarato: "Siamo in uno stato di incredulità, cercando di trovare qualsiasi risposta possibile. Anche noi ci chiediamo perché", aggiungendo: "La nostra famiglia è in lutto accanto a quelle che sono state colpite da questa enorme tragedia. I nostri cuori sono vicini alle famiglie e agli amici che hanno perso i loro cari e a tutti coloro che sono rimasti feriti" e concludendo con palpabile dolore: "Non ci sono parole per esprimere quanto siamo affranti".

Quello della famiglia Lanza è infatti un dramma nel dramma, con il killer che prima ha ucciso la madre - da cui pare fosse "ossessionato" - e poi si è recato nella scuola dove la donna era supplente per compiere una strage con le armi che lei stessa aveva comprato e regolarmente denunciato. Una situazione alla quale ha fatto riferimento con grande umanità e dignità il padre di una delle vittime, Emilie Parker, dicendo: "Non posso immaginare quanto questa esperienza possa essere dura per voi. Voglio che sappiate che, per la vostra famiglia, voi avete anche il nostro amore e il nostro sostegno".

L'America, dunque, si scopre più che mai unita dopo la tragedia, toccata anche dai gesti di eroismo messi in atto dal personale scolastico e dalle maestre, che hanno pagato con la vita il loro coraggio. Emblematico il caso di Victoria Soto, la giovane insegnante di 27 anni che quando ha sentito gli spari ha chiuso tutti i suoi bambini in un ripostiglio e quando il killer le si è parato davanti gli ha detto che erano a ginnastica. Un gesto che ha salvato 16 vite, ma che le è costato la sua: Lanza, infatti, l'ha crivellata di colpi e poi ha continuato nel suo folle piano di morte, prima di suicidarsi.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017