Excite

Vittorio Feltri pronto a rilevare 'quote decisive' di Libero

Il direttore editoriale de Il Giornale Vittorio Feltri sarebbe in trattative di acquisto di una quota del quotidiano Libero, in accordo con la famiglia Angelucci, proprietari dell'Editoriale Libero Srl, e con Maurizio Belpietro. Feltri così tornerebbe a Libero, ma non solo come direttore, anche come editore. A parlarne è stato ieri Luca Telese su Il Fatto Quotidiano.

Sembra, infatti, che gli ultimi tempi non siano stati proprio distesi a Il Giornale. Da quando Feltri, in seguito alla sospensione inflittagli dall'Ordine dei Giornalisti, è diventato direttore editoriale lasciando il suo posto ad Alessandro Sallusti le cose non sono state molto facili e sembra che anche con Daniela Santanché, amministratrice della concessionaria di pubblicità Visibilia, i rapporti siano un po' complicati. Così Feltri avrebbe deciso di andar via e, dopo aver accantonato l'idea di fondare un nuovo giornale, ha preso contatti con la famiglia Angelucci con lo scopo di 'rilevare quote numericamente decisive della società editoriale'. Con una quota significativa nell'azionariato del giornale entrerebbe anche l'attuale direttore di Libero, ossia Maurizio Belpietro.

Telese ha scritto: 'E dopo il big bang di Montecitorio, anche la carta stampata si prepara a un nuovo clamoroso terremoto. Dopo aver lanciato diversi segnali (pubblici e non) e dopo aver spiegato i motivi del suo dissenso dalla linea tenuta da il Giornale negli ultimi mesi, Vittorio Feltri ha consumato in queste ore il suo divorzio definitivo dalla coppia di guida Alessandro Sallusti e Daniela Santanché (nel ruolo di amministratrice della concessionaria della pubblicità, Visibilia). Una separazione consumata senza rancori, nel rispetto personale e reciproco, ma con molta determinazione. Però l'addio imminente di Feltri dal quotidiano di via Negri non è un forfait definitivo, e prepara un altro non meno clamoroso colpo di scena. Un ricongiungimento con Maurizio Belpietro e un approdo a Libero'.

E ha aggiunto: 'Non per entrare nei ranghi dell'attuale assetto editoriale, però, ma per realizzare un vecchio sogno: quello di farsi editore di se stesso e rifondare l'attuale modello proprietario del quotidiano. In un primo momento l'idea era quella di fondarne uno nuovo. Poi si è aperta un'altra possibilità. La soluzione a cui la rinata coppia Belpietro-Feltri sta lavorando, anche in queste ore è una piccola rivoluzione proprietaria. I due direttori, infatti, stanno trattando con l'editore Angelucci (vecchia volpe della professione, attuale parlamentare del Pdl, ex finiano rimasto al fianco del Cavaliere), l'acquisto di quote numericamente decisive della società editoriale che attualmente pubblica il quotidiano'.

Le anticipazioni de Il Fatto Quotidiano sono state confermate a Il Sole 24 dallo stesso Fletri che ha affermato: 'Il mio ritorno a Libero è un'ipotesi reale, anche se tutto è ancora in via di definizione. Di sicuro si tratta di una prospettiva piuttosto eccitante'. Feltri ha spiegato: 'L'offerta di Libero è allettante e ovviamente non tanto sotto il profilo della remunerazione quanto perché se le cose andranno in porto io e Belpietro punteremo ad avere la proprietà e la gestione del giornale, un progetto che francamente consideriamo eccitante'. L'obiettivo? 'Cercare di avere il maggior grado possibile di libertà, una condizione che facilita il lavoro perché sgombera il campo da tanti condizionamenti, sia da quelli veri e sia da quelli che ci imponiamo noi stessi'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017