Excite

Vittorio Missoni, aereo ritrovato: l'annuncio su Twitter

  • Getty Images

E' stato ritrovato l'aereo di Vittorio Missoni: a dare l'annuncio su Twitter il responsabile della comunicazione del Ministero degli Interni e della Giustizia venezuelano, Jorge Galindo: "Fue localizado el avion YV2615 tipo aeronave islander que cubria la ruta: Los Roques-Maiquetia el pasado 4 de Enero del 2013", ovvero: "E' stato localizzato l'aereo YV2615-Islander che stava viaggiando sulla rotta Los Roques-Maiquetia lo scorso 4 gennaio 2013".

Tutte le notizie relative alla scomparsa dell'aereo di Missoni

A confermare la notizia, oltre al consolato italiano in Venezuela e alla Farnesina, anche i familiari dei quattro amici scomparsi, ovvero Vittorio Missoni e la compagna Maurizia Castiglioni, l'imprenditore bresciano Guido Foresti ed Elda Scalvenzi, che hanno diffuso una nota ufficiale, nella quale "ringraziano il Governo Venezuelano ed il Governo Italiano per l'impegno nel rendere possibile questa ricerca" e dicono di confidare "che le indagini proseguiranno fino all'accertamento delle cause e delle responsabilità dell'incidente".

Los Roques, aereo disperso nel 2008 è stato ritrovato: sulla stessa rotta sparì quello di Missoni

Secondo le prime notizie trapelate, il piccolo aereo da turismo YV2615 di tipo Islander è stato rintracciato dalla nave oceanografica americana Deep Sea nel tratto di mare a Nord dell'Arcipelago di Los Roques. "Il relitto si trova a 70 metri di profondità, l'aereo è spezzato in più parti, ma la matricola era leggibile", hanno spiegato all'Ansa fonti vicine al Ministero degli Interni, mentre la nota dei familiari diffusa dall'ufficio stampa di Missoni precisa: "In questo momento in Venezuela sono in fase di valutazione le attività per il possibile recupero del velivolo".

Scomparso misteriosamente dai radar lo scorso 4 gennaio 2013, nella stessa data e nello stesso luogo dove nel 2008 era sparito un altro aereo con a bordo otto italiani (Paolo Durante, la moglie Bruna Guerrieri e le figlie Sofia e Emma di sei e otto anni, Annalisa Montanari, Rita Calanni Rindina, Stefano Frangione e Fabiola Napoli), per un'incredibile coincidenza (?) l'Islander è stato ritrovato a pochi giorni dalla localizzazione del primo velivolo e forse permetterà di fare chiarezza su due vicende che hanno molti tratti in comune, a partire dal dolore della famiglie che non hanno mai avuto certezze sulla sorte toccata ai loro cari.

Sulle cause della sparizione e - ora si sa - della caduta in mare di entrambi gli aerei sono state formulate tante ipotesi diverse, dal dirottamento e il sequestro da parte di uomini dei cartelli della droga, al più 'banale' ma anche credibile guasto tecnico: le denunce di velivoli in cattivo stato di manutenzione da parte di turisti che hanno viaggiato sulla medesima rotta sono state infatti moltissime.

Per risolvere il mistero, comunque, sarà necessario recuperare i relitti (sempre che si tratti di un'operazione possibile), all'interno dei quali al momento non si sa se vi siano resti umani. A oggi l'unico cadavere trovato è quello del copilota dell'aereo scomparso nel 2008, Osmel Alfredo Avila Otamendi, il cui corpo è stato avvistato dopo pochi giorni, il 13 gennaio, al largo della penisola di Falcon. Del velivolo su cui viaggiava il figlio dello stilista Ottavio Missoni - mancato lo scorso 9 maggio - fino a oggi il mare ha restituito soltanto due borsoni, recuperati dalla polizia su una spiaggia della piccola isola di Bonaire.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017