Excite

Vongole e telline a rischio

Gli spaghetti a vongole, piatto tipico della cucina nostrano, potrebbe non apparire più sui menù dei ristoranti. Vongole, telline e cannolicchi sono in pericolo dopo l’emissione del Regolamento comunitario del Mediterraneo nel settore della pesca, che entrerà in vigore il primo giugno.

Tale disposizione vieta la pesca con le draghe fino a 0,3 miglia dalle coste. E le telline sono raccolte con quest’attrezzo sotto costa a 20 metri dal litorale. Il cannolicchio, invece, viene pescato a circa 100 metri dalla costa e la vongola, quella non allevata, raccolta a pochi metri più a largo. Questo potrebbe provocare molti danni all’economia di molte Regioni come il Lazio, la Puglia e la Campania.

Il 10% della flotta laziale è attiva nella molluschicoltura con draghe e rastrelli, per un totale di settanta piccole imbarcazioni che catturano in media ogni giorno circa 40-50 chili per undici mesi l'anno, escluso aprile. Il presidente di Federcoopesca - Confcooperative Lazio, Claudio Brinati ha dichiarato: 'Siamo in attesa di una deroga promessa proprio per il settore dei molluschi. Altrimenti sarebbe il colpo di grazia per un settore che vive già una forte crisi'.

In attesa che la Ue ci ripensi, anche i bagnanti, che spesso si dilettano a raccogliere telline in riva al mare, dovranno trovare un nuovo passatempo prima che arrivi la stagione estiva e dimenticare sautè di vongole e piatti a base dei deliziosi molluschi.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017