Excite

Wind condannata a rimborsare 130mila utenti che hanno pagato Infostrada e Telecom

L'operatore di telefonia fissa e mobile Wind dovrà risarcire gli utenti che, a partire dal 2001, hanno chiesto di passare a Infostrada ritrovandosi, però, a pagare comunque il canone Telecom. L'associazione Movimento Consumatori, infatti, ha vinto la causa contro Wind che ora incorpora Infostrada. La Corte d'Appello di Torino ha dato ragione all'associazione dei consumatori confermando così la sentenza di primo grado del 2006.

Secondo il Movimento Consumatori sarebbero 130mila gli utenti che hanno diritto al rimborso. La stima è basata su una sentenza Antitrust del maggio 2002, che sanzionava Wind per pubblicità ingannevole per quell'offerta. L'operatore di telefonia fissa e mobile dovrebbe quindi pagare un totale di circa 50 milioni di euro. Ma Wind parla di poche decine di utenti. La sentenza della Corte d'Appello di Torino afferma che "gli utenti hanno diritto ai rimborsi per i canoni pagati dal 2001 e che Wind deve informarli mandando loro una lettera".

Come spiegato dall'associazione, che rimarrà vicine agli utenti, la sentenza, tuttavia, non ordina all'azienda di rimborsare gli utenti, spiega che hanno diritto al rimborso. Quindi gli utenti che non otterranno spontaneo rimborso da Wind, dovranno intentare cause separate. Grazie a questa sentenza, però, non dovranno più provare l'illecito "bensì soltanto che erano abbonati a Solo Infostrada e che avevano pagato i canoni Telecom".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016