Excite

Yara Gambirasio, a Brembate è caccia allo straniero

Queste sono ore di angoscia per la famiglia di Yara Gambirasio, la tredicenne scomparsa il 26 novembre dopo l'allenamento di ginnastica artistica. Le ricerche hanno portato gli inquirenti a fermare un marocchino, che su un'imbarcazione, stava fuggendo verso il Nordafrica, il 23enne è stato arrestato con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere.

Guarda le foto delle ricerche fatte domenica 5 dicembre

Yara Gambirasio, tutte le fasi della vicenda

Mohamed Fikri, dopo un lungo interrogatorio non ha ancora confessato, le sue uniche parole sono state: 'Allah mi perdoni, non l'ho uccisa io'. La frase, per chi sta svolgendo le indagini, potrebbe significare che ha collaborato al sequestro, ma non è stato lui il carnefice. Infatti, l'uomo non sarebbe l'unico sospettato, circolano le voci secondo cui sarebbero coinvolti altri due ragazzi italiani e Yara potrebbe esser stata vittima di una violenza di gruppo.

A Brembate di Sopra, in attesa di ulteriori notizie, alcuni cittadini hanno messo in scena una rivolta contro gli stranieri. Sono apparsi, nel pomeriggio di ieri, striscioni e cartelli razzisti che esprimono il desiderio di vedere fuori dal paese gli immigrati. 'Marocchini fuori da Bergamo' si legge all'ingresso del paesino, mentre un uomo alle telecamere mostra una scritta: 'Occhio per occhio, dente per dente' e spiega ai giornalisti: 'Non ne possiamo più di questi immigrati, devono tornarsene a casa loro'.

Il sindaco, Diego Locatelli, a capo di una giunta leghista, si è dissociato da queste manifestazioni affermando: 'No, non ci sarà nessuna caccia all'uomo. Non è questa la reazione che mi aspetto dai miei cittadini e sono sicuro che non sarà così'. Intanto continuano le ricerche del corpo di Yara, vigili del fuoco, la protezione civile, il soccorso alpino, la forestale, la polizia provinciale e i volontari, con i cani la cercheranno ancora sulle colline.

Foto: laStampa

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017