Excite

Yara Gambirasio: il killer è il figlio dell'autista Giuseppe Guerinoni. Identità misteriosa, è "Ignoto 1"

  • Facebook

di Simone Rausi

Dal punto di vista scientifico non ci sono margini di dubbio. O meglio, qualora questi ci fossero sarebbero inferiori allo 0.1%. Ad uccidere Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate Sopra uccisa nel novembre del 2010, sarebbe stato il figlio di un autista di Gorno. L'autista, tale Giuseppe Guerinoni, sarebbe morto però nel 1999. Ad incastrare il killer sarebbe stato il confronto tra una macchia di sangue ritrovata nei vestiti di Yara con il dna di Guerinoni, il cui corpo è stato riesumato per la prova scientifica. La concordanza dei due Dna sarebbe superiore al 99.9%. Verrebbe da dire caso chiuso ma il killer di Yara non ha ancora un nome né una faccia.

Yara: spunta un messaggio misterioso: “Qui è passato l’omicida. Che Dio mi perdoni”

Se infatti pare certo, secondo il confronto dei Dna, che a uccidere la Gambirasio sia stato il figlio di Guerinoni non si conosce praticamente nulla dell’identità di quest’ultimo. Si tratta infatti di un figlio illegittimo nato da una relazione extraconiugale che, agli atti, figura sotto il nome “Ignoto 1”. Guerinoni avrebbe avuto infatti una relazione con una donna della Val Seriana durante gli anni ’60 ma gli ex colleghi del defunto autista non hanno saputo aggiungere ulteriori particolari. Ora si sta cercando di rintracciare la donna ma, al momento, i tentativi sono risultati vani.

La macchia di sangue incriminata sarebbe stata ritrovata sui vestiti della ragazzina. Pare che il killer, nel tentativo di tagliare gli slip di Yara e in seguito a una colluttazione, si sia ferito con un coltellino. Il confronto del dna è stato realizzato con un campione prelevato dal femore della salma di Guerinoni, riesumato nel Marzo dello scorso anno.

Arrivano però solo oggi i risultati degli esami eseguiti dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo che, secondo il pm Letizia Ruggeri, certificano la colpevolezza del figlio illegittimo di Guerinoni e confermano le ipotesi già avanzate dopo le analisi, eseguite tempo fa, sulle particelle di saliva prelevate dal retro di una marca da bollo.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017